Book ad

Book ad

Friday, April 21, 2017

Of the separatism of vegetables -- Sul separatismo delle verdure

So I never get used to the magical sea of candy-floss from the plane window. It’s a common backdrop for us globe-trotting expats, but whenever I get a window seat, the book I brought along for the flight remains in my bag. Of course, whenever I get a window seat, with two people blocking my way to the toilets, I need to pee from the second I buckle my seatbelt and that’s a powerful distraction.

I was in Barcelona and loved it. It’s so marchosa, on the go, it streets flooded with people going about their business, its sensational eateries where coffee is served with the biggest sachets of sugar I’ve ever seen, because yes, life is sweet.  
I thought I’d be travelling to Spain but no! It was Catalonia. People from Barcelona spoke about Spain as if it were an entirely different country. “We do Easter like this, whereas in Spain they do so and so”. I spoke to quite a few locals and they all had the same pride about not being Spanish. The Estelada flag was flapping from many buildings, in support for the independence of Catalonia. 
Being a foreigner I was not expected to speak Catalano, I got away with Castellano, just like in Zürich I get away with German in place of Swiss German. But Catalano is NOT a dialect, as some proud taxi-driver fiercely explained: IT’S OUR LANGUAGE!  And in this era of separatism, with the British brexiting and the French approaching a very divisive election, I thought that perhaps that is the trouble with Europe. A language barrier says WE ARE DIFFERENT! more than any difference in physical appearance. A language brings with it the perception of identity.


Or perhaps it’s just that when people are scared, they go back to their primal instincts, and sharing is unnatural. It’s one of the things kids are slowly socially conditioned into it while growing up, but nobody likes to share. It’s hard, and needs tons of enlightenment and self-control. Just like eating veggies and waiting for our turn. And if these were the issues coming up in the privacy of the voting booth, they’d probably be struck down as well.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

Non mi abituo mai al mare di zucchero filato dal finestrino dell'aereo. È uno sfondo comune alla vita di tutti gli expat giramondo, ma ogni volta che ho un posto vicino al finestrino, il libro che mi sono portata per il viaggio resta nella borsa. Purtroppo ogni volta che ho un posto vicino al finestrino, con due persone tra me e il bagno, mi scappa la pipì dall'istante in cui mi allaccio la cintura a quando scendo. 

Ero a Barcelona, che città meravigliosa! È così marchosa, in marcia, le sue strade piene di pedoni indaffarati, i suoi ristorantini dove il caffè viene servito con le bustine di zucchero più grosse che abbia mai visto, perché la vita è dolce.
Pensavo di trovarmi in Spagna, ma mi sbagliavo di grosso. Ero in Catalonia. Gli abitanti di Barcelona parlano della Spagna come se si trattasse di una nazione diversa: "A Pasqua festeggiamo così, mentre in Spagna no." Ho parlato con diverse persone e tutti avevano lo stesso orgoglio di NON essere spagnoli. La bandiera Estelada era appesa a quasi tutti i palazzi, in sostegno all'indipendenza della Catalonia. 
Come straniera non ero tenuta a palare il catalano, e me la sono cavata col castellano, così come a Zurigo parlo tedesco e non lo svizzero tedesco. Ma il Catalano NON è un dialetto, come mi ha spiegato animatamente un tassista: È LA NOSTRA LINGUA! E in quest'era di separatismo, con gli inglesi intenti a brexitare e i francesi pronti a votare in elezioni politiche incandescenti, ho pensato che forse è proprio questo il problema dell'Europa. Niente dice SIAMO DIVERSI! più delle barriere linguistiche.  Una lingua porta con sé la percezione della nostra identità

O forse è che quando le persone hanno paura, si rifugiano nei propri istinti primordiali, e condividere non è naturale. È una delle cose che si imparano crescendo, seguendo un condizionamento sociale obbligato ma a nessuno piace condividere. È difficile e richiede una gran dose di illuminismo e self-control, proprio come mangiare le verdure o aspettare il nostro turno. E se queste fossero le questioni su cui decidere nella privacy della cabina elettorale, verrebbero ugualmente abrogate







Saturday, April 1, 2017

Of the immortal expat's trip to Napa -- Sul viaggio a Napa dell'expat immortale

So I am a sucker for old people. I observe them, bag their groceries for them, kick rude teenagers out of their seats on trams to make them sit down, accompany them across the street when the light is already red and they have barely stepped off the sidewalk.
I observe them wondering what kind of old person I will be. Not the grumpy kind, but the one who paints watercolors in the park with her hair dyed light blue like a fairy godmother, while sipping on some Chardonnay she got during a trip to Napa Valley with her girlfriends (all widows of course).
Admittedly as far as aging is concerned, I live in a state of denial common to most expats, it’s our perpetual adolescence, brought along by expat life’s insatiable demand for flexibility and open mindedness (more about this theme in my book, so go get it, hop!).

And then I saw this old lady, who does not stabilize her precarious steps with one of those walkers, like the rest of them. No. 
She carries a suitcase, one of those stable ones with 4 wheels. Or rather it’s the suitcase that’s carrying her. She casually keeps her hand on the handle and moves along. I’ve seen her quite a few times but still haven’t gotten around to talking to her. But I already know that she must have lived a long and proud expat life, and her walking suitcase is her identity.  
What she is saying is: “Difficulty with walking? What are you talking about? I am just going somewhere, see my suitcase? Straight to the airport and off to Napa with my girlfriends (all widows of course), to get that marvelous Chardonnay.”

Because we expats live in our perpetual adolescence, up to the ultimate relocation.


-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Allora ho un debole per le persone anziane. Le osservo, metto loro via la roba alla cassa del supermercato, prendo a calci ragazzini cafoni sul tram per liberare sedili, o le accompagno mentre attraversano la strada e quando diventa rosso sono a malapena scese dal marciapiede. 
Le osservo e mi chiedo che tipo di anziana sarò io. Non una brontolona di quelle che si lamentano sempre, ma una che dipinge acquarelli al parco con i capelli tinti di azzurro come una fatina, mentre sorseggia un Chardonnay squisito comprato durante un viaggio a Napa Valley con le sue amiche (tutte vedove naturalmente).
In effetti riguardo all'età, come molti miei compari espatriati, vivo in uno stato di illusione che ci fa sentire adolescenti perenni. È un fenomeno causato dalla fame insaziabile che la vita all'estero ha di flessibilità e apertura mentale (ulteriori elaborazioni sul tema nel mio libro, e allora sù, a comprarlo!).

E poi un giorno ho visto quella vecchietta. Procede incerta ma non si aiuta con uno di quei carrelli fatti apposta come le sue coetanee. No. 
Lei si porta una valigia, una di quelle belle stabili con 4 ruote. O forse è la valigia a portare lei. Tiene la mano sulla maniglia con nonchalance e procede tranquilla. L'ho già incontrata diverse volte ma non mi sono ancora fermata a parlarle. Ma già mi immagino che abbia vissuto una lunga vita da expat, e la sua valigia da passeggio è anche la sua identità. 
Quello che dice è: "Difficoltà di deambulazione? Ma figurati! Sto partendo, non vedi la valigia? Dritta all'aeroporto e poi via a Napa con le mie amiche (tutte vedove naturalmente), a far scorta di quel Chardonnay così buono."

Perché è così. Noi expats viviamo nell'illusione della nostra adolescenza perenne, fino all'ultimo, definitivo trasloco. 

Friday, March 24, 2017

Of the only marriage counselling you'll ever need, courtesy of Dr. Google -- Dell'unica terapia di coppia che serve, grazie a Dr.Google.

So first and foremost, have you bought my book the book I advertise on my blog? What are you waiting for? 

Anyway, I have some shocking news: I have found the algorithm of marriage. 
This is what happened: I was studying for my MBA and I couldn’t help but notice how everything in this management business is precisely what Mothers have been doing from the beginning of time to keep the family running, only under the guise of fancy terms, as it often happens when it’s men describing what they do.
Social Constructivism (get the family to sit together for breakfast), Optimisation of Processes (find everybody’s socks and keys and phones) and Theory of the Experience Curve (“because I said so”), our daily bread every morning before 8am. So I remembered an article I once read about Mothers being project managers, it was one of those many articles intended to explain husbands the obvious and it was called something like “Why your wife is always tired” or something like that.

And so…I googled. And ladies and gentlemen, get ready to be blown away, because as it ever so often happens when opening the pandora box of her majesty the internet, I found the answer to a completely different question.    
I googled: WHY YOUR WIFE and the three top searches are:

-IS STRESSED
-HATES YOU
-IS NOT HAPPY

The thing is, all you need to do to know the answer to these dilemmas, is google WHY YOUR HUSBAND. Top three searches:

-LIES
-SHOULD COME FIRST
-CHEATS


Good luck, sisters.

---------------------------------------------------------------------------------------------

Allora, lo avete comprato o no il mio libro quel libro di cui faccio pubblicità sul mio blog? Cosa state aspettando? 

Ho delle notizie sconvolgenti: ho trovato l'algoritmo del matrimonio.
È andata così: stavo studiando per il mio MBA e notavo come tutti i principi di management siano in realtà cose che ogni Madre del mondo ha sempre fatto dall'inizio dei tempi per far funzionare la famiglia, ma sotto sembianze di termini pomposi come spesso succede quando sono gli uomini a descrivere quello che fanno.
Costruttivismo Sociale (mettere tutti a tavola insieme per colazione), Ottimizzazione dei Processi (trovare calze, chiavi e telefono di tutti), e la Teoria della Curva dell'Esperienza ("perché l'ho detto io e basta"), il nostro pane quotidiano ogni mattina prima delle 8. E così mi è venuto in mente un articolo (in inglese) che avevo letto riguardo al fatto che le Madri siano le Project Manager della famiglia, era uno di quei tanti articoli intesi a spiegare l'ovvio ai mariti, e si intitolava "Perché tua moglie è sempre stanca" o qualcosa di simile.

E così ho chiesto a Google. E signori e signore, preparatevi, perché come spesso accade quando si apre il vaso di pandora di sua maestà The Internet, ho avuto la risposta ad una domanda completamente diversa. Ho scritto WHY YOUR WIFE (perché tua moglie) e i primi 3 risultati sono:

-È STRESSATA
-TI ODIA
-NON È FELICE

Il fatto è che per conoscere le risposte a questi dilemmi, è sufficiente fare a Google la stessa domanda riguardo ai mariti: WHY YOUR HUSBAND (perché tuo marito). Primi 3 risultati:

-MENTE
-DOVREBBE SEMPRE VENIRE PER PRIMO
-TRADISCE

Buona fortuna, ragazze.